Pubblicato da: sergiolapenna | 21 novembre 2008

LAPENNA SU EMERGENZA RIFIUTI NELLA CITTA’ DI POTENZA

Il consigliere regionale di Forza Italia verso il Pdl, Sergio Lapenna, ha inteso replicare duramente alle dichiarazioni del vice sindaco Molinari in merito al problema dei rifiuti a Potenza.

“Mentre l’Assessore – dichiara Lapenna – si limita a dire che non si tratta di vera emergenza, ma di disagio dovuto alla riorganizzazione del sistema, i cassonetti della città di Potenza sono colmi, tant’è che l’immondizia ha già occupato gran parte dello spazio circostante, provocando un ulteriore disagio ai potentini, stanchi delle continue vessazioni cui li sottopone l’Amministrazione comunale. Le giustificazioni addotte dall’Amministrazione sono inaccettabili, poiché già prima di quest’estate si avvertivano le avvisaglie del problema, pertanto il Comune di Potenza doveva già essere preparato a questa evenienza. La verità – sottolinea Lapenna – è che la gestione dei rifiuti nella città capoluogo è sempre stata fallimentare, rappresentando una emergenza latente, ricordiamo solo per citarne alcune, la vicenda dell’inceneritore a Potenza ed a quando, nel centro storico, si era pensato di eliminare i cassonetti ‘per problemi di impatto e di decoro da essi arrecati nel cuore antico della città’. Per quanto concerne il mancato raggiungimento degli obiettivi della raccolta differenziata anche qui il Comune ha le proprie responsabilità”.

“La decisione – aggiunge Lapenna – di trasportare i rifiuti a Salandra, oltre al malumore che già si registra nelle popolazioni dell’area, non è certo una soluzione ottimale, ma è l’ennesimo provvedimento tampone che costerà molto di più all’Amministrazione locale e, di conseguenza, graverà sui cittadini. Infatti, il servizio di trasporto non solo è molto più costoso, ma mancano anche i mezzi, per cui il Comune sicuramente dovrà dare il servizio in concessione alle imprese private, realizzando un vero business. Tutto ciò – conclude Lapenna- è l’ennesima dimostrazione dell’inefficienza dell’Amministrazione nella città capoluogo, che alla soglia del 2009, scrive una delle pagine più indecorose della sua storia, offrendo una città immersa dal cemento selvaggio, invasa da vari cantieri e ora anche dall’immondizia. Forse in questo caso, la vicenda potrà essere risolta solo dalla convocazione di un Consiglio straordinario dei Ministri a Potenza. Campania docet”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: