Pubblicato da: sergiolapenna | 1 dicembre 2009

18 Febbraio 2009 – INTERROGAZIONE LAPENNA (FI-PDL) SU EX STANDARDTELA

(ACR) – Il consigliere regionale Sergio Lapenna (Fi-Pdl), ha presentato un’interrogazione urgente all’Assessore regionale alle ‘Attività Produttive, Politiche dell’Impresa, Innovazione Tecnologica’ in merito alla ex Standardtela.

“La Regione Basilicata – afferma Lapenna – tempo fa ha pubblicato un avviso pubblico per la reindustrializzazione e la salvaguardia dei livelli occupazionali del sito produttivo della ex Standardtela, ubicato nell’area industriale di Isca Pantanelle del Comune di Sant’Angelo Le Fratte. In un primo momento, valutate alcune manifestazioni di interesse presentate, la Regione ha stabilito che il piano di reindustrializzazione doveva essere realizzato dalla società Job and Color che proponeva un progetto per la realizzazione di una filiera produttiva del settore tessile con l’impegno di rioccupare tutti i 110 lavoratori in mobilità della ex Standardtela, nonché ampliare la base occupazionale. Successivamente alla sottoscrizione dell’accordo di reindustrializzazione, la Drap Lane rilevava la Job and Color, nel frattempo fallita. La Drap Lane rimodulava il piano, presentando una nuova iniziativa industriale, tant’è che il 6 febbraio scorso la Regione approvava la rivisitazione dell’accordo di deindustrializzazione”.

“Ma la Drap Lane – fa rilevare Lapenna – non ha ancora presentato tutta la documentazione per accedere ai benefici economici del bando pubblico e, da tempo, si attendono le garanzie bancarie necessarie per il buon esito della complessiva iniziativa di rilancio del sito di Isca Pantanelle. Di recente – aggiunge Lapenna – un nuovo gruppo industriale che opera da lungo tempo sui mercati nazionali e internazionali, con aziende di produzione collocate nel Nord Italia, ha manifestato la volontà di acquisire il sito della ex Standardtela. Infatti, le aziende interessate hanno dichiarato di essere dotate di una notevole organizzazione e di disporre di un solido sistema finanziario, condizione necessaria per garantire la ripresa della produzione e la stabilità lavorativa degli occupati nell’attività precedentemente svolta nel sito inattivo e per i quali sono stati attivati ammortizzatori sociali per il sostegno al reddito. Attualmente con la grave crisi industriale generale e in considerazione della nuova manifestazione di interesse, visto che la produzione del sito dimesso non è ancora ripresa e dubbi si nutrono sulla possibilità che il piano presentato della Drap Lane, possa garantire l’effettiva riassunzione dei lavoratori della ex Standardtela, sarebbe opportuno, riaprire il bando per la reindustrailizazione del sito dismesso affinché vi possano partecipare anche altri imprenditori interessati e possano essere valutati nuovi progetti industriali capaci di definire percorsi e obiettivi economici e produttivi in grado di generare positivi risvolti occupazionali”.

Il consigliere di Forza Italia verso il Pdl ha chiesto di conoscere “quali misure la Regione Basilicata intende adottare per la reindustrializzazione del sito produttivo inattivo di Isca Pantanelle, al fine di valutare, sia le nuove manifestazioni di interesse da parte di altri imprenditori, sia nuovi progetti industriali capaci di definire percorsi produttivi in grado di assicurare la riassunzione dei lavoratori in mobilità della ex Standardtela”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: