Pubblicato da: sergiolapenna | 2 dicembre 2009

13 Marzo 2009 – 91° BATTAGLIONE. LAPENNA:ATTIVARSI PER IMPEDIRE SOPPRESSIONE

ACR) – “Il pericolo di soppressione del 91° Battaglione Lucania torna alla ribalta della cronaca dopo l’incontro romano tra le autorità locali e lo Stato Maggiore dell’esercito per scongiurare il pericolo di chiusura del presidio militare”. È quanto ha dichiarato il consigliere regionale, Sergio Lapenna (Fi-Pdl).

“Nella delicata vicenda, di cui più volte mi sono occupato – afferma Lapenna – si sono registrati spesso disinteressamento delle nostre autorità locali e mancanza di interventi immediati, poiché già dal 2005 si paventava il pericolo di soppressione e si misero in campo timidi tentativi per evitare il peggio. Infatti – sottolinea Lapenna – il Ministero della Difesa già aveva sollecitato una rivisitazione innovativa dello strumento militare, tant’è che, entro il 2007, doveva essere presentato un progetto di ristrutturazione definito in ogni sua parte, ma il progetto si è perso nelle lungaggini della burocrazia. Il Ministero – aggiunge Lapenna – nell’ambito di un processo di riordino dell’organizzazione addestrativa dell’esercito, aveva sollecitato una riconversione, vista la considerevole riduzione del personale dell’Esercito. Dal vertice tenutosi a Roma è emersa la necessità, per mantenere il presidio militare, di una riconversione della struttura con una diversa destinazione d’uso”.

“Il sindaco di Potenza, Vito Santarsiero – afferma Lapenna – ha finalmente messo a disposizione l’area occupata dalla piattaforma della Protezione civile ai Piani del Mattino, nonostante le iniziali difficoltà oggettive da parte del Comune, come gli oneri previsti per la conversione e la scarsa disponibilità in termini di spazi ed infrastrutture da mettere a disposizione per la realizzazione del progetto. Confidando nel proficuo impegno dei parlamentari lucani del Pdl che si sono occupati fattivamente della vicenda, oggi rischiamo, però, di pagare lo scotto della mancanza di interventi tempestivi in merito, visto che negli ultimi anni si sono succeduti, nelle varie leggi finanziarie, consistenti tagli nei confronti del bilancio della Difesa e vista la trasformazione dell’esercito in arruolamento volontario. Dobbiamo, dunque, lottare con tutte le nostre forze e con l’impegno di tutte le istituzioni – conclude Lapenna – per poter assicurare la sopravvivenza del 91° Battaglione Lucania, fonte di storia e di cultura della nostra città, onde evitare l’ennesima ingiusta spoliazione a danno del nostro territorio”.
ACR) – “Il pericolo di soppressione del 91° Battaglione Lucania torna alla ribalta della cronaca dopo l’incontro romano tra le autorità locali e lo Stato Maggiore dell’esercito per scongiurare il pericolo di chiusura del presidio militare”. È quanto ha dichiarato il consigliere regionale, Sergio Lapenna (Fi-Pdl).

“Nella delicata vicenda, di cui più volte mi sono occupato – afferma Lapenna – si sono registrati spesso disinteressamento delle nostre autorità locali e mancanza di interventi immediati, poiché già dal 2005 si paventava il pericolo di soppressione e si misero in campo timidi tentativi per evitare il peggio. Infatti – sottolinea Lapenna – il Ministero della Difesa già aveva sollecitato una rivisitazione innovativa dello strumento militare, tant’è che, entro il 2007, doveva essere presentato un progetto di ristrutturazione definito in ogni sua parte, ma il progetto si è perso nelle lungaggini della burocrazia. Il Ministero – aggiunge Lapenna – nell’ambito di un processo di riordino dell’organizzazione addestrativa dell’esercito, aveva sollecitato una riconversione, vista la considerevole riduzione del personale dell’Esercito. Dal vertice tenutosi a Roma è emersa la necessità, per mantenere il presidio militare, di una riconversione della struttura con una diversa destinazione d’uso”.

“Il sindaco di Potenza, Vito Santarsiero – afferma Lapenna – ha finalmente messo a disposizione l’area occupata dalla piattaforma della Protezione civile ai Piani del Mattino, nonostante le iniziali difficoltà oggettive da parte del Comune, come gli oneri previsti per la conversione e la scarsa disponibilità in termini di spazi ed infrastrutture da mettere a disposizione per la realizzazione del progetto. Confidando nel proficuo impegno dei parlamentari lucani del Pdl che si sono occupati fattivamente della vicenda, oggi rischiamo, però, di pagare lo scotto della mancanza di interventi tempestivi in merito, visto che negli ultimi anni si sono succeduti, nelle varie leggi finanziarie, consistenti tagli nei confronti del bilancio della Difesa e vista la trasformazione dell’esercito in arruolamento volontario. Dobbiamo, dunque, lottare con tutte le nostre forze e con l’impegno di tutte le istituzioni – conclude Lapenna – per poter assicurare la sopravvivenza del 91° Battaglione Lucania, fonte di storia e di cultura della nostra città, onde evitare l’ennesima ingiusta spoliazione a danno del nostro territorio”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: