Pubblicato da: sergiolapenna | 2 dicembre 2009

25 Febbraio 2009 – LAPENNA: RITARDO INFRASTUTTURALE GRAVE FRENO PER SVILUPPO

ACR) – “I dati diffusi dall’Unioncamere di Basilicata e dall’Istituto Tagliacarne di Roma in merito alla mancanza di infrastrutture sia materiali (strade) sia immateriali (servizi) nella nostra regione parlano chiaro. Il 62 per cento delle aziende lucane ritiene che il gap infrastrutturale ha penalizzato pesantemente lo sviluppo economico della Regione”. È quanto dichiara il consigliere regionale Sergio Lapenna (Fi-Pdl).

“Per la verità – afferma Lapenna – l’Unioncamere già da qualche tempo aveva lanciato l’allarme sull’economia lucana visto che gli indicatori più importanti come il Pil e l’occupazione registrano il segno meno anche rispetto alle altre regioni del Sud, segno evidente del fallimento delle misure adottate fino ad oggi che hanno tracciato un trend negativo insostenibile per la situazione economica produttiva già gravemente compromessa. La nostra regione vive in uno stato di arretratezza totale, nonostante siano piovute molte risorse europee, statali e regionali, ma l’apparato produttivo economico non ha raggiunto i risultati auspicati. Il tutto è accaduto poiché è mancata una programmazione, un piano industriale innovativo e confacente alle peculiarità ed alle esigenze del territorio, non è stata effettuata una selezione di progetti strategici ed innovativi che avrebbero potuto garantire un minimo di sviluppo”.

“In buona sostanza le risorse fioccano – dice Lapenna – ma è assente una strategia nell’investimento delle risorse stesse. Il tutto si traduce in una grave insoddisfazione delle imprese che esprimono un giudizio negativo sulla dotazione infrastrutturale e, nel contempo, dichiarano di doversi adattare alle caratteristiche territoriali. Oggi la nostra regione, dalla Jonica al raccordo Potenza Salerno, vive una drammatica situazione di isolamento e gli interventi di ammodernamento o consolidamento sono troppo lenti. L’inefficienza e la lenta burocrazia comportano una emarginazione vera e propria della Basilicata. I tempi della politica, ancora una volta – conclude Lapenna – sono del tutto anacronistici rispetto a quelli dell’economia ma, soprattutto in questo momento particolare, è necessario porre fine alla politica dei provvedimenti tampone per arginare la crisi e mettere in campo una serie di misure strutturali per aiutare concretamente le imprese fornendole degli strumenti e dei collegamenti necessari per poter lavorare in un mercato competitivo”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: