Pubblicato da: sergiolapenna | 31 dicembre 2009

SANITA’, LAPENNA (FI-PDL): URGENTE DISCUSSIONE SU RIFORMA

Il consigliere regionale Sergio Lapenna (Fi-Pdl), che è anche vicepresidente della quarta Commissione consiliare permanente (Politica Sociale), torna a sollecitare la discussione in Consiglio regionale di una mozione in merito allo stato di attuazione della legge regionale n. 12/2008 sulla riorganizzazione del Servizio sanitario regionale.

“Nonostante più volte ho sollevato varie questioni sullo stato della sanità in Basilicata, anche attraverso l’audizione in Commissione dei soggetti coinvolti – afferma Lapenna – la Regione non ha assunto alcun provvedimento su questioni delicate ed importanti che riguardano alcune scelte discutibili da parte dei manager lucani. In particolare la nuova riorganizzazione delle Aziende sanitarie ha previsto la revisione degli assetti organizzativi attraverso la definizione dei distretti in ambiti territoriali, la riorganizzazione della rete ospedaliera regionale al fine di perseguire obiettivi di organicità, efficienza ed economicità nella predisposizione ed erogazione dei servizi”.

“Ad oggi, però – sottolinea Lapenna – ancora non si è in grado di verificare se, in seguito alla riorganizzazione già avviata, i costi del Servizio sanitario regionale si siano realmente ridotti ed in che misura, quello che è certo è che la Regione continua a stanziare ingenti risorse per il ripiano dei disavanzi anche delle soppresse Aziende sanitarie. Infatti poca chiarezza vi è in merito alla duplicazione di alcune unità operative nelle Asl attualmente esistenti, con un evidente spreco di risorse pubbliche, così come avviene nel settore oncologico dove la regia non viene affidata all’Ircss di Rionero, così come previsto nella programmazione regionale, ma alcune attività vengono affidate a ditte esterne senza alcuna garanzia sulla qualità ed affidabilità del servizio. Stesso discorso per quanto riguarda anche gli aspetti amministrativi della gestione delle Asl, come ad esempio la sussistenza di incompatibilità ai vertici dell’amministrazione. Ma anche su queste delicate questioni la Regione tace. Di qui la necessità di una discussione aperta in seno alla massima Assise per verificare lo stato di attuazione della legge regionale che ha previsto la riorganizzazione dell’intero Sistema sanitario regionale ma che, di fatto, è ancora molto lontana dagli obiettivi prefissati”.

“E’ importante – conclude Lapenna – con la massima chiarezza esaminare le criticità e gli ostacoli che si frappongono al progetto di riforma, al fine di realizzare un Sistema sanitario regionale unitario e integrato per accrescere la competitività e migliorarne l’efficienza”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: