Pubblicato da: sergiolapenna | 29 gennaio 2010

LAPENNA. DISCUSSIONE SULLA LEGGE DI RIORDINO DEL SISTEMA FORMATIVO

Nel corso della seduta della IV Commissione consiliare di ieri si è aperta la discussione  sulla proposta di legge da me presentata in merito al Riordino del sistema formativo integrato. È quanto dichiara il consigliere regionale del gruppo di Forza Italia verso il Pdl, Sergio Lapenna.

  “La legge regionale n. 33/2003 – spiega Lapenna – ha attuato il riordino del sistema formativo integrato, riconoscendo alle Province le funzioni amministrative e i compiti per l’esercizio della formazione professionale. Le Amministrazioni provinciali, in virtù della legge di riordino, hanno istituito le Agenzie provinciali per l’istruzione, la formazione professionale e l’orientamento. Esse rappresentano lo strumento operativo delle politiche regionali e provinciali in materia di formazione. La Regione si è impegnata, altresì, a trasferire annualmente le risorse umane e finanziarie necessarie al funzionamento di tali organismi e ad integrare i fabbisogni aggiuntivi, per garantire l’espletamento delle funzioni delegate alle Province e per mantenere costanti i contingenti di personale impiegati a tale scopo”.

“Ma la legge regionale, nella sua applicazione pratica, ha incontrato numerose difficoltà. Di qui la necessità di proporre una modifica per il raggiungimento di due obiettivi principali. Il primo è quello di assicurare puntualmente i trasferimenti regionali indispensabili per la copertura del costo del personale necessario per lo svolgimento degli interventi previsti in materia di formazione, anche al fine di un funzionamento efficiente dell’attività formativa. Il secondo è quello di limitare il ricorso a forme di precariato, poiché spesso si ricorre a lavoratori interinali per sopperire alla carenza strutturale del personale impiegato nei compiti istituzionali propri delle Agenzie. Tant’è che l’impostazione del progetto di legge ha trovato la condivisione di tutte le rappresentanze sindacali della Cgil, Cisl e Uil, nell’ottica di una maggiore efficienza del sistema formativo delle agenzie, di una maggiore trasparenza nella selezione del personale e del superamento della piaga del precariato. Nonostante  i rappresentanti del Dipartimento competente – conclude Lapenna –  hanno duramente attaccato il provvedimento, porterò avanti questa mia battaglia poiché è fondamentale garantire i lavoratori e assicurare maggiore trasparenza nell’operato della pubblica amministrazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: