Pubblicato da: sergiolapenna | 23 dicembre 2010

LAPENNA (PPS): SU APPROVAZIONE LEGGE FINANZIARIA

Non si può non esprimere un parere negativo sulla legge finanziaria appena approvata in Consiglio Regionale, poiché ancora una volta assistiamo alla consueta elargizione di risorse senza risultati concreti per l’economia e lo sviluppo della Basilicata. È quanto dichiara il segretario regionale dei Popolari per il Sud, Sergio Lapenna. Il centro sinistra lucano continua a fare politica senza una attività fondamentale di programmazione e di pianificazione di obiettivi specifici con misure concrete volte a conseguire risultati concreti.
Mi pare- continua Lapenna – che le misure di sostegno all’economia, alle famiglie, all’Università, così come quelle per il Programma regionale di contrasto delle condizioni di povertà e di esclusione sociale siano dei provvedimenti fotocopia dei precedenti che non hanno certo cambiato la situazione dei beneficiari. Stesso discorso anche per il progetto Vie Blu, per il Programma operativo Val d’Agri e quello del Senisese. Tutto ciò – a parere del segretario regionale- è il segnale evidente di un’incapacità di fare una buona politica, di amministrare in maniera efficiente la regione, ma di voler mantenere lo status quo e quindi il bacino di voti che il centro sinistra si è assicurato nel corso degli anni. L’unica novità della finanziaria – sottolinea Lapenna- è stata la soppressione delle comunità locali e dell’Aato, che in realtà hanno messo in evidenza anche l’inefficienza legislativa del governo regionale, poiché si trattava di due progetti di riforma tanto propagandati, ma poi, come spesso accade, finiti nel dimenticatoio. Il dato confortante è che si sono quanto meno eliminati enti inutili e doppioni, anche se ce ne sono tanti altri, quando si potrebbe affidare nuovamente ai Dipartimenti regionali le competenze e la gestione di determinati settori, onde evitare inutili carrozzoni politici. Altra novità – continua Lapenna – è la deroga che è stata concessa in tema di assunzioni del personale della sanità, infatti le richieste di deroga al blocco delle assunzioni devono essere inoltrate al Dipartimento con successivo provvedimento della Giunta regionale. Ora è legittimo chiedersi a cosa servono i direttori generali delle aziende sanitarie, che, in tal modo, vengono mano mano espropriati delle proprie competenze?.
Il dato di oggi è che in Basilicata la percentuale di disoccupazione è tra le più alte, ma nonostante ciò – conclude Lapenna- ancora una volta ci troviamo di fronte una finanziaria , l’ennesima, incapace di affrontare concretamente i problemi dei lucani. Continuano i finanziamenti a pioggia senza alcuna programmazione delle attività e quindi valutazione dei risultati. Un esempio per tutti sono i tanti progetti per le giovani eccellenze lucane, che con finanziamenti notevoli, di cui hanno beneficiato solo le società di formazione, non hanno in alcun modo cambiato la situazione e, i giovani proprio perché intelligenti, non hanno creduto nelle false promesse e hanno capito che emigrare è l’unico modo per assicurarsi un futuro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: