Pubblicato da: sergiolapenna | 29 giugno 2011

LAPENNA. MANOVRA DEL GOVERNO CON TAGLI INDISCRIMINATI E NON SELETTIVI

 

La nuova manovra finanziaria del Governo rischia di mettere in ginocchio l’economia nazionale ma, soprattutto, quella locale già fortemente in affanno, poiché contiene una serie di tagli indiscriminati che colpiscono alcune fasce della popolazione italiana, senza alcun intervento di tipo strutturale su un sistema economico e fiscale che presenta una serie di gravi lacune. Ma la cosa più inaccettabile è che la manovra rimanderà alle prossime generazioni tutto il peso dei debiti poiché gran parte dei fondi verrà reperito negli anni tra il 2013 e il 2014, ossia a legislatura conclusa. È quanto dichiara il segretario regionale di Udeur-Pps della Basilicata, Sergio Lapenna.

E’ evidente – dichiara Lapenna – che tale manovra rappresenta non l’elemento di salvataggio dell’economia italiana che rischia il fallimento, così come è avvenuto in Grecia, ma si traduce in un’operazione finanziaria di matrice elettorale finalizzata al solo scopo di cercare di mantenere in piedi un Governo che non è più in grado di fronteggiare la forte crisi, preoccupato per lo più di non perdere ulteriore consenso. Nessuna misura di carattere straordinario – sottolinea Lapenna- è stata inserita per fronteggiare la grave crisi del Mezzogiorno, anzi mi chiedo che fine abbia fatto il Memorandum d’intesa che doveva essere sottoscritto tra la regione Basilicata e il Governo? .

 

Le misure, così come concepite, aumenteranno il gap infrastrutturale e la assenza di competitività del mondo produttivo, soprattutto del Sud, perchè aumentare i tiket sanitari e le spese a carico dei cittadini significherà ingessare ancor di più l’economia. Infatti –aggiunge Lapenna – in questo quadro drammatico non dobbiamo dimenticare che tutti gli indicatori economici parlano della Basilicata come la regione dove negli ultimi anni hanno chiuso il maggior numero di imprese, che detiene in percentuale il record dei posti di lavoro perduti e segna l’esodo massiccio di emigrati. I tagli sono indiscriminati e non selettivi – conclude Lapenna – e in una situazione di rischio concreto, appaiono incongrui ed inefficaci perchè non raggiungeranno gli obiettivi prefissati, alcuni troppo lontani nel tempo, anzi, sotto molti aspetti, si riveleranno addirittura dannosi per il basso profilo dei tagli della spesa che hanno una finalità esclusivamente di sopravvivenza e non già un carattere propositivo, dinamico e di efficacia per rilanciare l’economia italiana.

Potenza, 29/06/2011


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: