Pubblicato da: sergiolapenna | 14 settembre 2011

LAPENNA (UDEUR-PPS): SU ABOLIZIONE VITALIZI

La crisi nazionale ed internazionale sta mostrando tutta la sua drammaticità e non si può più temporeggiare, ma occorre un’operazione di trasparenza e di tagli per ridare fiducia nella politica alla gente. È quanto sostiene il segretario regionale di Udeur- Popolari per il Sud di Basilicata, Sergio Lapenna.

Non può che condividersi – afferma Lapenna –  l’appello del Presidente del Consiglio regionale Folino sulla necessità di abolire i vitalizi ai  consiglieri regionali, oggi più che mai necessaria. L’adozione di una politica di austerità – sostiene Lapenna- è utile per risparmiare delle risorse che potrebbero essere spese dirottate sui servizi alla collettività. Infatti, le indennità per gli ex parlamentari e i consiglieri regionali ammontano a quasi 3 milioni di euro l’anno, mentre per i dirigenti regionali si raggiunge un importo di quasi 7 milioni di euro l’anno, per non parlare di tutte le società partecipate e gli enti sub regionali, costi insostenibili e che gravano, oggi più che mai, pesantemente sulle tasche dei cittadini. Occorre dare l’esempio, non si possono chiedere ai soli cittadini sacrifici immani proprio da chi, con una cattiva gestione politica ed amministrativa, ha contribuito pesantemente allo stato attuale di grave difficoltà economica. La politica oggi deve necessariamente scendere tra la gente e armonizzarsi con la società civile facendo grandi sacrifici per dare l’esempio, basta con il predicare bene e razzolare male. La prima definizione di “politica” – ricorda Lapenna-  risale ad  Aristotele ed è legata al termine “polis”, che in greco significa la città, la comunità dei cittadini; secondo il filosofo, “politica” significava l’amministrazione della “polis” per il bene di tutti, la determinazione di uno spazio pubblico al quale tutti i cittadini partecipano, un concetto oggi così lontano nella società moderna.  L’operazione di tagli è dunque necessaria perchè si possa riapplicare il concetto aristotelico di amministrazione del bene pubblico per il bene di tutti, visto che oggi si parla di politica solo in termini di  casta privilegiata ed irraggiungibile. Ciò rappresenterebbe, come sostiene lo stesso Folino , non solo una riduzione in termini di costi per l’economia lucana ,ma anche per riaffermare l’uguaglianza dei cittadini e la funzione transitoria della politica e delle cariche pubbliche. Infatti, è di questi giorni la notizia che il comune di Potenza batte cassa e sono a rischio alcuni servizi essenziali come il trasporto pubblico e le mense scolastiche. Anche  quest’anno alla vigilia dell’apertura dell’anno scolastico nuovi problemi ed incertezze per le famiglie lucane, costrette a rinunciare anche a quei pochi servizi offerti,  mentre la casta accumula vitalizi su vitalizi, visto per per loro non si applicano le incompatibilità e i divieti di cumulo che valgono per i comuni cittadini.

Ci auguriamo – conclude Lapenna –  che la proposta del Presidente Folino non sia solo frutto di uno slogan elettorale, ma trovi ampi consensi all’interno dell’Assise che rappresenta e, anzi come espressione del partito di maggioranza potrebbe farsi portavoce  per l’approvazione di una legge regionale nell’ottica della trasparenza e dei tagli, al fine di dare il buon esempio a tutti i cittadini lucani.  

Potenza, 14/09/2011

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: