Pubblicato da: sergiolapenna | 21 dicembre 2011

LAPENNA (UDEUR-PPS):SANITA’ PIU’ COSTOSA MA MENO EFFICIENTE

 “Alla vigilia dell’approvazione della prossima legge Finanziaria regionale non si può non tenere conto della esigenza, sostenuta anche attraverso una petizione popolare, di rimodulare il sistema dei ticket e di intervenire sulle principali questioni attinenti la sanità regionale”. È quanto dichiara il segretario regionale di Udeur-Popolari per il Sud, Sergio Lapenna.

La Giunta Regionale – afferma Lapenna- ha introdotto il pagamento di ticket sanitari sulla specialistica ambulatoriale aggravando notevolmente i costi delle prestazioni senza, per altro, migliorare i servizi e senza accorciare le liste di attesa. Infatti, l’introduzione dei ticket è avvenuta in maniera automatica, tant’è che il sistema lucano è uguale a quello della Lombardia e del Piemonte, mentre altre regioni come la Toscana, L’ Emilia Romagna e l’Umbria, si sono ispirate a principi di equità, poiché il ticket è proporzionato al reddito di ciascun nucleo familiare. Il provvedimento della Giunta regionale, così come concepito, si dimostra iniquo e si corre il rischio, essendo uno dei più cari d’Italia, mentre la Basilicata è una delle regioni più povere, di scoraggiare gli utenti al ricorso di cure e di prestazioni. Attualmente – sottolinea Lapenna – alcune prestazioni, soprattutto, quelle più diffuse, costano al cittadino di meno, senza la ricetta, presso le strutture private convenzionate piuttosto che nelle strutture ospedaliere. Il paradosso è che, oltre ad un consistente risparmio, nelle strutture private si accorciano notevolmente i tempi di attesa. Le strutture convenzionate, quindi, svolgono un lavoro egregio nel supportare il carico delle prestazioni sanitarie offrendo un servizio più rapido e meno costoso, per cui non è concepibile che, di contro, un servizio pubblico offra una prestazione più costosa, ma meno efficiente.

Negli ultimi tempi – conclude Lapenna- non solo i tagli ma, soprattutto, la cattiva organizzazione sta fortemente penalizzando il sistema sanitario regionale, poiché si interviene poco in tema di sprechi e di miglioramento dei servizi e, nonostante la legge sulla riorganizzazione dei servizi ospedalieri e territoriali avviata dalle Aziende sanitarie lucane, il sistema sanitario lucano stenta a decollare, con gravi conseguenze che si ripercuotono proprio sugli utenti.

Potenza, 21/12/2011

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: